Alla domanda “Cosa mangiano le scimmie?” la maggior parte delle persone risponderebbe: le banane!

Questa risposta è usata come stendardo soprattutto da vegetariani e vegani per dare valore alla loro scelta “secondo natura” (?).

Ebbene, anche a rischio di risultare politicamente scorretta e poco sensibile, devo per correttezza etica e professionale smentire questa credenza. Al di là del fatto che i nostri parenti pelosi si nutrono certamente di frutta, bacche ed “erbe” ma anche di insetti (quindi “carne” e proteine), una scoperta fatta dagli zoologi e veterinari dello zoo di Devon (Inghilterra, articolo comparso sull’Indipendent il 14.01.2014) può essere illuminante per noi umani.

Dopo aver sempre nutrito le loro scimmie con banane (provenienti dai raccolti destinati al mercato umano), i veterinari hanno evidenziato un notevole incremento nei livelli di aggressività che minava i rapporti all’interno del gruppo sociale (le scimmie sono animali sociali che vivono all’interno di gruppi organizzati e ben strutturati). Non solo: la qualità del mantello (morbidezza, lucentezza, colore) risultava peggiorata, il deterioramento dei denti avanzato, con problemi di carie e incremento negli indicatori biologici per il diabete. Tutti elementi sovrapponibili al consumo di dolci, zuccheri e cibi raffinati nei bambini.

Soluzione: vietato il consumo di banane alle scimmie!!!!!!

In sostanza, quello che la Natura offre è molto diverso da quello che il mercato offre; la frutta selvatica (della quale si nutrono le scimmie allo stato brado) è decisamente molto povera di fruttosio e molto ricca di fibra.

Quando affermo che la frutta è un alimento salutare intendo la frutta di stagione, poco matura, brutta da vedere ma preziosa.


Dott.ssa Elena Maria Bisi
Biologa Nutrizionista

Categorie: Nutrizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *