Rigidità, muscolatura contratta, fastidio e dolore nel movimento, limitazione dell’escursione articolare, formicolii, algia e debolezza.. questo è ciò che lamentano i pazienti che da più o meno tempo soffrono con il loro arto superiore, un raffinato ingranaggio la cui armonia va mantenuta e ricercata, vediamo perché.

Il complesso articolare della spalla si compone di ben cinque articolazioni, tre di esse sono vere articolazioni in senso anatomico, ovvero superfici cartilaginee a contatto, le altre due sono articolazioni in senso puramente fisiologico, parliamo quindi, di superfici di scivolamento.
Scapolo-omerale, sterno-costo-clavicolare, scapolo-toracica, acromion-clavicolare, sotto-deltoidea: tutte queste parti agiscono necessariamente in proporzioni variabili nel movimento della spalla, così come gli elementi di un’orchestra nell’esecuzione di una melodia.

Nella maggior parte dei casi si verifica che, a causa di traumatismi, tensioni viscerali e mio-fasciali, lesioni osteotendinee e legamentose più o men gravi, trigger points, o di una carente irrorazione vascolo-nervosa nel distretto interessato, le suddette articolazioni non lavorino in una corretta sinergia.
Si creano quindi in loco, e ovviamente nelle zone limitrofe, compensi su compensi atti a preservare la funzionalità dell’arto, ma destinati prima o poi a saturarsi: a quel punto comparirà lo stato irritativo ed infiammatorio accompagnato da uno o più dei sintomi enunciati ad inizio articolo.

Sarà importante evidenziare eventuali lesioni o patologie in corso tramite appositi test ortopedici ed indagini strumentali, capire, con una valutazione osteopatica le cause che hanno portato a questi scompensi, arginare la fastidiosa sintomatologia ed in seguito ripristinare una corretta funzionalità del complesso articolare tramite indicati esercizi di rinforzo.

Il rischio di lavorare o allenarsi con una spalla che si muova in modo errato sarà il presentarsi, presto o tardi, di una delle seguenti patologie: impingement subacromiale, tendiniti della cuffia dei rotatori, capsulite adesiva (frozen shoulder), borsiti subacromiali e subdeltoidee, patologie degenerative.

Take care.

Francesca Manca
Osteopata D.O. e D.O.A.
Dott.ssa Scienze della Comunicazione e Personal Trainer

Categorie: Allenamento

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *